image image
 
image image

Il conto Corrente
Cosa e' il Conto Corrente e requisiti per aprirne uno
Il Conto Corrente,  che in seguito denomineremo c/c √® uno strumento bancario che consente di far circolare moneta senza portare appresso contanti.

Il c/c può essere utilizzato sia da Aziende che da privati; i privati lo utilizzano per accreditarvi lo stipendio, per l'addebito delle bollette
(luce e gas, acqua, telefono ), lo utilizzano per pagamenti superiori a 1000,00 euro ( l'ultima legge del governo impone l'uso di assegni per
importi superiori ai 999.00 euro); le aziende invece utilizzano il c/c per convogliare incassi e per effettuare pagamenti nazionali ed esteri.

Il conto corrente è regolato anche dal codice civile all'articolo 1823 che recita testualmente:
"Art. 1823 - I. Il conto corrente è il contratto col quale le parti si obbligano ad annotare in un conto i crediti derivanti da reciproche
rimesse, considerandoli inesigibili e indisponibili fino alla chiusura del conto.
II. Il saldo del conto è esigibile alla scadenza stabilita. Se non è richiesto il pagamento, il saldo si considera quale prima
rimessa di un nuovo conto e il contratto s'intende rinnovato a tempo indeterminato.

I conti correnti si distinguono in:

c/c semplice: che permette al cliente, in cambio di un canone fisso annuo, di utilizzare un determinato numero di operazioni e servizi
senza costi aggiuntivi; superato quel numero paga le operazioni al costo fissato nel contratto.


c/c di corrispondenza: è una tipologia particolare di conto con determinate caratteristiche; la banca si assume la responsabilità e l'onere
di svolgere per conto del cliente delle operazioni automatiche, ovviamente per poter fare questo la Banca riceve il
mandato dal cliente, il quale ordina che vengano pagati per suo conto: assegni, fatture, bollette, tasse e tributi.
In pratica, un c/c di corrispondenza agevola e rende veloci alcune operazioni che un cliente dovrebbe svolgere presso
lo sportello.

Il c/c viene identificato da un codice chiamato: IBAN (codice alfa-numerico di 27 cifre) composto da: codice dello stato, codice identificativo
bancario e coordinate bancarie.

Se richiesto, può essere concesso un "Fido Bancario" che permette di sforare emettendo assegni scoperti ovviamente rimborsando in seguito con
interessi e condizioni prestabiliti.

I servizi di cui il cliente possessore di un c/c dispone sono: Carnet d'assegni, bancomat, carta di credito e RID (domiciliazione bollette);
c'è la possibilità di accedere al proprio conto online e volendo di effettuare operazioni.

 
image image


image image
Home | Cookies | Chi Siamo | Contatti | Privacy Policy | Informazioni Mutuo | Assicurazione Macchina | Risorse Navigazione Mobile